28/01/2019    E se il sogno si realizzasse ?






Un fine mese scoppiettante per la 50km di marcia quello di fine gennaio 2019.

 
La prima notizia che ha scosso il panorama mondiale della specialità è stata ancora una volta quella che forse in un domani non tanto lontano (gli anni passano purtroppo troppo in fretta da non accorgersene) la storica gara introdotta nel lontano 1932 potrebbe venir sostituita con una prova non superiore alle due ore e mezza per esigenze di tipo televisivo nei Giochi Olimpici.
 
Ma non ci vogliamo occupare di questo.
 
Prendiamo invece lo spunto da quello che tra il sabato 26 e domenica 27 gennaio sta accadendo in Italia a circa 1.500km di distanza fra due piccoli centri: San Lorenzo al Mare e Gioiosa Marea.
Il primo vede da quasi un decennio il “buen ritiro” invernale dell’allenamento di una decina di atleti della nazionale della Cina, il secondo ha visto quest’anno svolgersi il Campionato Italiano della 20km nella città che diede i natali alla indimenticabile Anna Rita Sidoti.
 
Ebbene questo fine settimana vicino a Sanremo, su una bellissima pista ciclabile, e sotto l’Etna, si sono svolti due interessanti test sulla distanza dei 35km. 
Quello di Gioiosa Marea in una gara certificata a tutti gli effetti e quello di San Lorenzo al Mare in un test di fine periodo di allenamento, il cui risultato certamente non apparirà in nessuna graduatoria, ma conoscendo la meticolosità dell’allenatore del team Cinese, ci sentiamo di scommettere la classica cena a base di pesce con chiunque sulla sua conduzione.
 
In particolare ci interessa la presenza femminile con un occhio rivolto al futuro immediato della 50km donne.
 
Partiamo da San Lorenzo al Mare, dove abbiamo assistito ad una prova di Qieyang Shenijie, da tutti conosciuta nel mondo della marcia come “la Tibetana” che ha buttato le basi per un nuovo record mondiale delle donne sulla distanza più lunga: proprio quella che si vuole cancellare o modificare!
La ragazza ha chiuso i 35 km nel tempo di 2:45:15.
Questi i tempi di passaggio impressionanti nella loro regolarità: 
- 5km: 24:09
- 10km: 48:01 (23:52)
- 15km: 1:11:45 (23:44) 
- 20km: 1:35:37 (23:53) 
- 25km: 1:59:11 (23:34)
- 30km: 2:22:44 (23:33)
- 35km: 2:45:15 (22:31 - ultimi 3 km in 13:04)
Interessanti, per gli addetti ai lavori le rilevazioni dell’indice di lattato ai 25km (1.4 mmol), ai 30km (1.4 mmol) e a fine test (3.2 mmol). 
 
Ha fatto eco a Gioiosa Marea, con altrettanto scalpore anche perchè ha ottenuto il risultato in una gara ufficiale, Eleonora Anna Giorgi.
Sfortunatamente di lei non abbiamo I confronti cronometrici ogni 5km, ma solamente quelli ogni 10km.
 
Ai 10km la Giorgi passa in 47:50 e nel confronto a distanza con Qieyang (48:01) è in vantaggio per 11”.
Ai 20km coperti in 1:35:17 (con secondi 10km in 47:47) l’italiana è ancora davanti alla cinese di ben 20”.
Per entrambe ci sono i mini stop ai 25km per il controllo del lattato (uno solo per la Giorgi e due per la Qieyang che si ferma anche ai 30km con un mini stop).
Ai 30km ancora l’italiana in testa in 2:22:20 (terzi 10km in 47:03), mentre la cinese transita con 24” di ritardo in 2:22:44.
Sono gli ultimi 5km a fare la differenza.
La “Tibetana” è capace di chiudere gli ultimi 5km in 22:31 mentre l’Italiana si deve accontentare di un tempo pari a 23:01.
Qieyang recupera così i 30” che la portano al traguardo finale in 3:45:15 rispetto al 3:45:21 della Giorgi.
Un’unica parola basta per definire questo ipotetico confronto a distanza: entusiasmante !
 
Chiunque mastichi di marcia capisce che la strada per arrivare a vedere nel 2019 un record mondiale delle donne sotto le 4 ore è ora molto in discesa.
Entrambe le due atlete possono a nostro avviso valere, in condizioni ottimali, tra 3:57:30 e 3:59:00.
 
E se ci risvegliassimo un giorno agli inizi di marzo quando si gareggerà a Huangshan con un nuovo record mondiale donne sulla 50km ?
Forse sarà il nostro solo un sogno, ma perchè non sognare visto che non costa nulla?
A chi scrive piacerebbe anche sognare che la 50km rimanesse anche nel 2024 e oltre una specialità olimpica.
 
Chissà ?!
 
 


Condividi su facebook