19/02/2019   Koji Hoga Miura (JPN): La crisi della marcia nelle importanti competizioni






Abbiamo ricevuto da Koji Hoga Miura (JPN) una lunga e interessante analisi sul momento della marcia, con particolare attenzione al dibattito circa la 50km.
 
Koji Hoga Miura è un noto biomeccanico del Giappone che collabora con il team del Giappone e una decina di anni fa era anche stato giudice di marcia a livello di Area Asiatica. 
L’analisi spazia tra i problemi storici degli anni iniziali della specialità fino ai nostri giorni e infine si conclude indicando i motivi per i quali, a suo parere, la marcia vive un momento particolare sofferenza.
 
Pensiamo che la sua lettura sia di interesse per chi vuole approfondire la materia vista da una angolazione differente, indipendentemente dal fatto che se ne condivida o meno le idee.
 
Desideriamo condividerla con i nostri lettori in quanto rispecchia il punto di vista di un collaboratore di quella che, al momento, è senza dubbio la squadra più forte al mondo nella 50km: il Giappone.

 

 

 

Koji Hoga Miura giudice a Sesto San Giovanni IAAF Challenge

 

 


 

 

La crisi della marcia nelle importanti competizioni 

 

In questi ultimi 5 anni la marcia soffre di una crisi che rischia l’esclusione dai Giochi Olimpici.

 

Tuttavia, il problema si è già verificato dopo le Olimpiadi di Parigi del 1924. La marcia non si è disputata nella storia alle Olimpiadi di Atene dal1906 negli anni dal 1925 al 1931 come segue:

 

1906 Atene 1906: 1500m e 3000m

1908 Londra: 10 miglia

1912 Stoccolma: 10km

1920 Anversa: 3km e 10km

1924 Parigi: 10km su strada

1928 Amsterdam: nessuna gara di marcia

1932 Los Angeles: 50km

1936 Berlino: 50km

1948 Londra: 10km e 50km

1952 Helsinki: 10km e 50km

1956 Melbourne: 20km e 50km

 

Il motivo per cui la marcia è stata eliminata e ha scelto di aumentare la distanza dopo che era stata eliminata era stato il problema del giudizio.

Con la tecnologia di circa 100 anni fa, sarebbe stato forse impossibile riconoscere il brevissimo tempo di perdita di contatto con il terreno e quindi altrettanto impossibile giudicare con precisione se i marciatori infrangevano le regole o meno.

 

La difficoltà di un giudizio coerente potrebbe essere stata il punto cruciale del conflitto tra atleti e giudici. Questo conflitto avrebbe causato l'eliminazione della gara di marcia dall’atletica dei Giochi Olimpici. La soluzione per restituire la marcia nelle Olimpiadi era stata quella di espandere la distanza da 10km a 50km. Il ragionamento di dettaglio su come si era pensato di risolvere il problema del giudizio era stato il seguente:

- La distanza di 50km sembrava essere sufficientemente lunga, quindi gli atleti non potevano marciare veloci. Quindi, i giudici hanno pensato che i risultati avrebbero potuto non essere diversi se gli atleti avrebbero marciato con una tecnica corretta o non correttamente e anche che se gli atleti avrebbero corso, il risultato sarebbe lo stesso di quello che avrebbero ottenuto se avessero marciato..

- La distanza di 50km è sembrata essere così lunga per marciare velocemente, e quindi il giudizio non sarebbe stato difficile.

 

Durante i circa 90 anni dall'eliminazione della marcia dalle Olimpiadi, la tecnologia si è sviluppata enormemente e anche la tecnica degli atleti è avanzata anche ad alto livello, poiché le nostre ricerche biomeccaniche hanno rilevato che solo alcuni marciatori non hanno perso il contatto con il terreno. 

Uno era nell'esperimento del nostro studio di dottorato con una videocamera ad alta velocità che registrava 250 fotogrammi al secondo, su atleti d'élite che camminavano con la velocità di 250m/min. 

Un altro era nel prendere le immagini video nella prima metà della 20km uomini alle Olimpiadi di Atene 2004 con normali videocamere digitali di 60 fotogrammi al secondo su un atleta nel gruppo di testa che camminava con la velocità inferiore a 250m/min.

Inoltre, le nostre ricerche (pubblicate solo in ambito domestico) in questi due decenni hanno rivelato incongruenze nel punto di vista della durata della perdita di contatto nelle principali competizioni. Anche se alcuni atleti hanno marciato con la stessa durata temporale della perdita del contatto, alcuni hanno ricevuto cartellini rossi, alcuni hanno ricevuto solo palette gialle e alcuni non hanno ricevuto né palette gialle né cartellini rossi. 

Ovviamente, gli atleti con una durata più evidente della perdita del tempo di contatto hanno ricevuto più cartellini rossi. Poiché molti atleti, allenatori e giudici hanno sottolineato queste incoerenze, era logico il dover adottare un nuovo sistema di giudizio per condurre un giudizio coerente e obiettivo.

 

Oggi possiamo acquistare una videocamera digitale ad alta velocità che faccia film con oltre 300 fotogrammi al secondo ad un prezzo di circa 300 euro e possiamo vedere facilmente se i marciatori  avanzano senza perdita di contatto o meno.

Oggi molti atleti di sesso maschile possono percorrere 50 km sotto 3:45:00 che sono più veloci del record olimpico degli uomini 10km stabilito nel 1924 e veloce come il record olimpico degli uomini sui 3km stabilito nel 1920.

 

 

 

Koji Hoga Miura ad un seminario di biomeccanica

 

 

Se risolviamo la nostra nuova crisi del giudizio sulla marcia (il CIO ce lo raccomanda dal lontano 2000) con la stessa logica di prima del 1932, potremmo risolvere solo con un’ulteriore espansione della distanza dei 50km a oltre 50km, almeno 70km o 80km, inferiore a quella dei  100 km. Poiché la velocità di 50km alle Olimpiadi di oggi è più veloce di quella di 10km prima del 1924, la difficoltà di giudizio è comunque aumentata a un livello molto complicato.

Tuttavia, se espandiamo la distanza della marcia, sembra impossibile mantenerla nei Giochi Olimpici e la marcia potrebbe sopravvivere solo al di fuori delle Olimpiadi come la corsa in montagna, la maratona Ultra "100 km" e il triathlon ironman.

 

Le Olimpiadi non sono solo per l’Atletica Leggera e l’atletica leggera non è solo per la marcia.

Dobbiamo condividere il tempo, il budget e altre risorse con altre discipline di atletica leggera e altri sport. 

La maggior parte degli eventi di resistenza, come il Triathlon, il Pentathlon, il ciclismo e altri sport nelle Olimpiadi, stanno riducendo il tempo e le distanze con la politica del CIO per condividere il tempo e posizionarsi l'un l'altro. Quindi, dovremmo risolvere la nostra crisi con altri metodi e con un nuovo sistema di giudizio, in cui possiamo giudicare sulla marcia ad alta velocità con coerenza e obiettività.

 

Nella politica del CIO in cui gli eventi della marcia non si sono mai totalmente realizzati, c'è un punto importante: l'uguaglianza di genere per numero di distanze e razze nella nostra disciplina. 

Dai Campionati del Mondo del 2017, la 50km donne è iniziata con una partenza mista e gareggiando con gli uomini. Al fine di realizzare la completa uguaglianza tra i generi, l'avvio misto non è sufficiente e l'evento più lungo delle donne dovrebbe essere considerato come un evento indipendente completamente. Tuttavia, sembra difficile inserire altre 4 o 5 ore del tempo di gara per un altro nuovo evento, considerato che negli attuali 3(4) eventi della marcia è di circa 6:55:00, se ci basiamo sui minimi di partecipazione per il 2019 a Doha:

 

- Uomini 50 km: 3:59:00;

- Uomini 20 km: 1:22:30;

- Donne 20 km: 1:33:30.

 

Cambiando la distanza da 20/50 km a 10/30 km, potrebbe essere possibile tenere 4 eventi che realizzeranno l'uguaglianza di genere nel seguente assunto:

 

- Uomini 10 km: 45:00,

- Donne 10 km: 50:00

- Uomini 30km: 2:20:00 (Totale: 3:55:00).

 

Quindi, la differenza dalle 6:55:00 è di 3 ore, potrebbe essere sufficiente per avere un evento femminile più lungo con un 30 km. Con la 35km per uomini e donne si sarebbe invece oltrepassato il tempo di condivisione attuale di 6:55:00.

 

Con l'accorciamento della distanza, soprattutto nel cambio da 50 a 30km, la tipologia dell'evento sembra cambiare. 

Tuttavia, la tenacia e la perseveranza con la distanza sono la prima e la seconda peculiarità della marcia? Se queste proprietà sono le prime due, la storia della marcia nelle Olimpiadi è iniziata come l'evento a lunga distanza fuori dallo stadio come la Maratona circa 110 anni fa. Anche se dovessimo cambiare la distanza da uno a 100 metri o 1 miglio, la marcia è la marcia. Le caratteristiche della disciplina sono tutte uguali dai cento metri di cinquanta chilometri.

Qualcuno dice che "La marcia sarà morta, se i 50km saranno cambiati in 30km". Ma la tecnica di 50km è completamente diversa da quella deii 30km? La 30 km avrà la stessa peculiarità: "La tecnica della marciai" come l’evento della 50km.

 

La differenza tra 30km e 50km ci potrà essere se la tenacia e la perseveranza con la distanza vengono a mancare o meno. Ma queste peculiarità di 50km sono state supportate dal mondo atletico in questi anni? 

Una delle valutazioni del CIO per la marcia nelle Olimpiadi è stato il sostegno con i giovani. Il numero del supporto con i giovani per l'evento di 50km potrebbe essere valutato con il numero di gare e i partecipanti a gare di 50km. Possiamo vedere l'elenco di 50km sotto le 4:15:00 dopo il 2003 sul sito web della IAAF. 

I seguenti dati rappresentano il numero annuale di gare di 50km con risultati inferiori a 4:15:00 con l’eccezione delle competizioni di World, Area e Nation-Groups e il numero di paesi che hanno organizzato queste gare da 50km.

 

Competizioni 2003: 26; Paesi: 24

Competizioni 2004: 21; Paesi: 17

Competizioni 2005: 21; Paesi: 18

Competizioni 2006: 21; Paesi: 18

Competizioni 2007: 24; Paesi: 21

Competizioni 2008: 15; Paesi: 12

Competizioni 2009: 23; Paesi: 19

Competizioni 2010: 21; Paesi: 17

Competizioni 2011: 21; Paesi: 16

Competizioni 2012: 16; Paesi: 13

Competizioni 2013: 15; Paesi: 13

Competizioni 2014: 17; Paesi: 14

Competizioni 2015: 11; Paesi: 10

Competizioni 2016: 16; Paesi: 13

Competizioni 2017: 18; Paesi: 14

Competizioni 2018: 22; Paesi: 17

 

Tutto ciò che possiamo vedere è che il numero di competizioni e paesi che hanno organizzato le competizioni sono molto piccoli rispetto al numero di federazioni membri della IAAF e che questi numeri si stanno riducendo. Inoltre, durante tutti questi 15 anni, il numero di competizioni che hanno avuto più di 10 partecipanti, includendo anche gli atleti con risultato oltre 4:15:00 ed escludendo solo le competizioni World, Area e Nation-Groups, erano molto piccoli: si sono svolte solo a Dudince in Slovacchia, al campionato spagnolo, al IAAF Challenge in Messico, alle gare nazionali della Cina di 50km 2 o 3 volte l'anno e alle gare nazionali di 50 km in Giappone 2 volte l'anno.

Se la tenacia e la perseveranza con la distanza fossero state sostenute da molti giovani atleti, in questi 20 anni si sarebbero svolte più competizioni con più partecipanti in tutto il mondo e la popolazione e il numero di competizioni per la marcia a piedi di 50 km sarebbero stati ampliati. Inoltre, alcune delle competizioni di alto livello sulla 50km sono state ridotte dalla lista ad alte prestazioni della IAAF in questi 20 anni. Naumburg, Dublino, Bergen e altre, che erano in cima alla lista mondiali del passato.

 

La tenacia e la perseveranza come evento di resistenza e la metodologia per addestrare queste caratteristiche ad alto livello sono l'importante peculiarità per 50 km e l'importante valore come capacità umana di essere competitivi in ​​alto livello. Tuttavia, siamo ora nella crisi in cui il supporto per una delle nostre peculiarità di resistenza si sta riducendo. Ora, siamo nel momento di cambiare il nostro sistema in quello nuovo con una riduzione della distanza per attirare molti supporti per la nostra disciplina.

 

In Giappone, molte persone nella comunità dei marciatori e nell’atletica hanno costruito un sistema di sviluppo graduale dalla distanza della gioventù, dai 5000 ai 50km senior. All'interno di questo sistema di sviluppo, si comprende il valore degli eventi di resistenza. Inoltre, la maggior parte degli atleti giapponesi di elite della 50km ha ampliato i propri eventi target e marciato quasi a 1:20:00 sui 20km. Le prestazioni in 50km potrebbero non essere indipendenti dalle prestazioni in 20km e dagli eventi più brevi. Inoltre, la performance in 20km potrebbe non essere indipendente dalle performance negli eventi Junior e Youth. 

A mio parere, l'opposizione superficiale al nuovo sistema non potrebbe attivare positivamente la nostra disciplina. 

Dovremmo adottare un nuovo sistema di valutazione e la nuova distanza e dovremmo migliorare il sistema di sviluppo degli atleti per il nostro futuro.

 

In conclusione, la proposta per il consiglio della IAAF sembra mirare a risolvere certamente i seguenti due punti per migliorare la nostra disciplina:

- la soluzione del problema del giudizio che risale da lungo termine.

- la realizzazione della completa uguaglianza di genere.

Penso certamente che questi due punti ci spingano ad accettare il pacchetto di quattro punti di proposta per un futuro sostenibile della marcia in favore di tutti gli atleti.

 

Koji Hoga Miura (JPN)

 

 

 

Koji Hoga Miura mentre allena

 

 

 

 

Kobe seminar 2019



Condividi su facebook