09/05/2019   Taicang (CHN): i favoriti delle due gare






Sabato 11 Maggio a Taicang (Cina) si disputerà la 7° prova valida per il IAAF Race Walking Challenge. Due le gare in pogramma la 20 km. uomini e la 20 km. donne. 
Taicang, situata nella provincia dello Jangsu, si trova a circa 150 km. da Shangai. La città  ha un’ampia tradizione di gare a questo livello ed è anche stata sede nel 2014 e nel 2018 del IAAF World Race Walking Team Championships.
 
 
Gara maschile
 
Attualmente nel IAAF Race Walking Challenge la classifica in campo maschile vede in testa lo spagnolo García Carrera con 28 punti in 2 gare; seguito dallo svedese Kalström (18 punti in 2 gare) e dal colombiano Arévalo (16 punti in due gare). Purtroppo non ci saranno nell’appuntamento cinese sia lo spagnolo sia il campione mondiale colombiano. 
 
Il campo di partenza si presenta comunque molto qualificato saranno al via:
 
- Eiki Takahashi (JAP), capace quest’anno di esprimersi a Kobe in 1:18:00, terzo nella prova di Rio Maior e attualmente 4° nel ranking IAAF; 
- Caio Bonfim (BRA), bronzo ai mondiali di Londra e quarto a Rio Maior; 
- Perseus Kalström (CHN), vincitore della 2a prova ad Adelaide in 1:20:05  e 
- il beniamino di casa, Wang Kaiwa (7° nel ranking Iaaf) capace quest’anno di marciare in 1:19:01 a Huangshan. 
Da segnalare, anche, la presenza dei due messicani Palma.
 
Saranno al via anche tutti i migliori marciatori cinesi perché la prova sarà valida come selezione per i Mondiali di Doha. 
Alle spalle del grande favorito per la qualificazione: Wang Kaiwa, ci sarà battaglia serrata.  
Quattro/cinque  atleti (Cai Zelin; Zhang Jun; Jin  Jiaxing; Lu Xiatong e Zhang Jiaxu) sono in grado di avvicinare tempi al di sotto dell’1:20:00 (condizioni atmosferiche permettendo poiché in questi ultimi giorni il termometro si è impennato a 18° di minima e 28° di massima e l’umidità è sul 65%). Bisogna, anche, tenere in considerazione che nella gara di Huangshan (9 marzo) dopo il vincitore Wang Kaiwa ben 15 atleti sono arrivati nello spazio di 60” per cui ogni pronostico sui possibili selezionati è, al momento, molto difficile. 
Sarà importante e decisivo il comportamento della giuria vista la minima differenza di valori in campo.  
 
 
 
Gara femminile
 
 
Nella gara femminile non ci saranno alla partenza le prime tre della graduatoria momentanea del Challenge: la brasiliana De Sena; la colombiana Arenas e l’australiana Montag. 
 
Sarà comunque, fra le cinesi, una gara stellare e di grande pathos in vista della selezione mondiale.
Già in possesso della Wild Card la campionessa uscente Yang Jiayu, la lotta per gli altri tre posti si presenta incandescente. Gareggeranno fino all’ultima goccia di sudore per spuntarla 7/8 atlete ai vertici mondiali e in grado di marciare sotto o attorno all’ 1:27:00. 
 
Non dovrebbe avere molte difficoltà a qualificarsi Qieyang Shenjie (al momento in testa nel Ranking mondiale), quest’anno già espressasi in 1:25:38 e vincitrice a Rio Maior. 
Per il resto sarà lotta fino all’ultimo metro. 
Presumibilmente i due posti a disposizione se li giocheranno: Yang Liujing (1:27:15 a Huangshan, classe 1998); Wu Quanming (1:27:24 nella stessa gara, classe 2001); Ma Zhenxia (1:28:28 a Nomi nei Campionati Asiatici, classe 1998); Ma Li (1:28:55 in primavera, classe 2000); Wang Yingliu (P.B. = 1:28:15); Wang Na (P.B. = 1:26:29) e la super campionessa Liu Hong che dopo il record mondiale della 50km vuole tentare di qualificarsi anche nella 20. 
 
Discorso a parte merita Lu Xiuzhi che ricordiamo seconda ai mondiali 2015 e bronzo alle Olimpiadi di Rio la squale rientra alle gare dopo uno stop di 40 giorni per un serio stiramento al bicipite femorale e al momento non sembra ancora in grado di competere a grandi livelli. 
 
Saranno due gare, certamente, di alto livello e particolarmente emozionanti per gli atleti cinesi.
Si spera in condizioni atmosferiche non proibitive e che con po’ di buon senso, il delegato tecnico IAAF, abbia la buona ispirazione di anticipare l’orario delle gare previsto per le 8:30 per i maschi e per le 10:30 per le donne.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Condividi su facebook