13/08/2019   Brian Hanley, Catherine B. Tucker e Athanassios Bissas: risultati del questionario e studio del 2018






Lo scorso anno Brian Hanley assieme a Catherine B. Tucker e Athanassios Bissas  (Carnegie School of Sport, Leeds Beckett University, Leeds, UK) aveva proposto al corpo giudicante un questionario attraverso una serie di video on-line.

Le risultante di questo studio dal titolo "Assessment of IAAF Racewalk Judges' Ability to Detect Legal and Non-legal Technique sono state recentemente pubblicate dagli autori su “Frontiers in sport and Active Living”.

 

L’articolo originale in inglese è consultabile anche nella nostra sezione “Tecniche, regole e convegni” -> sub-sezione “Pubblicazioni sulla marcia”.

 

Non nascondiamo il suo interesse in particolare in questo momento storico nel quale stiamo constatando un aumento indiscriminato del sanzionamento dello sblocaggio del ginocchio e non solo a livello locale.
Le tre figure (4, 5 e 6) di pagine 7 ed 8 e la spiegazione a pagina 6 sono, a nostro avviso di  grande interesse per tutti.

 

Si ringraziano gli autori.

 

 

Riassunto

 

Gli obiettivi di questo studio erano:

- il primo: quello di analizzare la precisione dei giudici di marcia nella valutazione tecnica e, 

- il secondo:  la misurazione dei tempi di volo in una gamma di velocità per stabilire quando gli atleti hanno perduto il contatto con il terreno visibile all'occhio umano. 

 

Venti marciatori sono stati analizzati in laboratorio utilizzando una videocamera panning (50 Hz), una telecamera ad alta velocità (100 Hz), e tre piattaforme di forza (1,000 Hz). 

 

Ottantatre giudici di diversi livelli IAAF (ed anche di nessun livello) hanno visto i video on-line e giudicato indicando se ogni atleta stava a loro avviso marciando legalmente. 

 

I tempi di volo più breve di 0.033s sono stati rilevati da meno di 12,5% dei giudici, che hanno così indicato una perdita di contatto non visibile all’occhio umano. I tempi di volo tra 0.040s e 0.045s sono stati rilevati rilevati da non più di tre su otto giudici. I tempi di volo molto lunghi (≥0.060 s) sono stati rilevati da quasi tutti i giudici. 

 

I risultati hanno anche mostrato che i giudici generalmente considerano il bloccaggio del ginocchio (>177°) molto simile ad una linea retta geometrica. 

 

Nell'ambito di queste risultanze, lo standard dei giudici di Livello III erano più accurate, con più probabilità di rilevare le ginocchia piegate anatomicamente e meno probabilità di indicare le ginocchia piegate, quando non si era verificato. 

 

Per la seconda parte, gli uomini hanno marciato lungo una pista coperta di 45 m a 11, 12, 13, 14, e 15 km/h in un ordine casuale, mentre le donne hanno marciato a 10, 11, 12, 13, e 14 km/h. 

 

I tempi di volo, misurati utilizzando un sistema di fotocellule Optojump Next (1.000 Hz), maggiore per gli uomini da 0.015s a 11 km/h a 0.040s a 14 km/h e 0.044s a 15 km/h, e per le donne da 0.013s a 10 km/h fino 0,041 s a 13 km/h e 0.050s a 14 km/h. 

 

Per giudicare dall'occhio umano, la soglia per evitare la perdita visibile di contatto quindi si è verificato per la maggior parte degli atleti a ~14 chilometri all'ora per gli uomini e 13 km/h per le donne.

 
 
 
 
 
 
 
 


Condividi su facebook