29/09/2019   Doha 50km: Yusuke Suzuki (JPN) e Liang Rui (CHN) vincono la 50km






 

50 km uomini

 

Nella torrida notte di Doha Yusuke Suzuki è diventato il primo marciatore giapponese a vincere un titolo mondiale, facendo una gara audace nelle prime fasi per costruire un vantaggio che è rimasto in gran parte incontrastato.
Il portoghese Joao Vieira, con la sua undicesima presenza ai Campionati del Mondo all'età di 43 anni, è arrivato secondo, diventando il più anziano medagliato ai Campionati del mondo.
E Evan Dunfee con una chiusura di gara veloce ha conquistato il bronzo - quasi raggiungendo Vieira prima del traguardo - per diventare la prima medaglia del Canada nella marcia 50 km.
Ma, come sempre accade nella marcia di 50 km, non è stata una gara pathos..
 
Suzuki ha deciso per una gara di testa, raggiungendo il comando dopo solo un paio di minuti, mentre la maggior parte del resto degli atleti, se la prendeva comoda durante le prime fasi essendosi resi conto delle condizioni.
Il vantaggio di Suzuki è iniziato a crescere ad ogni chilometro, ma nessuno era disposto ad andare con lui mentre guidava di 10 secondi nei primi 10 km.  Il campione in carica Yohann Diniz, tuttavia, non poteva  rinunciare al titolo senza combattere e il francese ha raggiunto Suzuki ai 10 km in 49:11.
Il vantaggio della coppia non è durata a lungo, e Diniz è ripiombato nei gruppo nei succesivi chilometri, incapace di eguagliare la calma e la concentrazione di Suzuki.  Il campione olimpico Matej Toth e il messicano Isaac Palma sono stati tra quelli che hanno cercato di inseguire Suzuki durante la prima metà gara, ma nessuno è stato in grado di avvicinarsi.
 
Quando Suzuki ha raggiunto i 20 km in 1:37:35 - circa 21 minuti meno del suo record mondiale per quella distanza - il suo vantaggio era cresciuto a due minuti, mentre il norvegese Havard Haukenes e il cinese Wang Qin formavano il duo di inseguitori.
 
Suzuki ha superato il punto a metà gara in 2:01:07.  Si prospettava un orario di arrivo superiore alle quattro ore, ma Suzuki sembrava ancora composto, non mostrando segni di affaticamento - a differenza di molti altri dietro di lui, che stavano iniziando a perdere anche dal punto di vista tecnico e raccogliere cartellini rossi.
Claudio Villanueva dell'Ecuador ha fatto un breve tentativo per sfidare Suzuki ed è al secondo posto, ma ha presto pagato per la sua mossa stravagante prima di ritirarsi.
 
Nella seconda metà, i cinesi Luo Yadong e Niu Wenbin hanno marciato insieme per passare al secondo e terzo posto, mentre Suzuki ha continuato a guidare. Il suo vantaggio ha raggiunto i 3:34 al punto 35 km.
 
A questo punto, Vieira ha iniziato a fare la sua rimonta e si è trovato al quarto posto dopo che Toth si è ritirato e Haukenes ha dovuto trascorrere cinque minuti nella penalty area.  Il norvegese è stato successivamente squalificato dopo aver raccolto un quarto cartellino rosso.
Dopo aver superato Brendan Boyce (IRK) Evan Dunfee è passato al sesto posto dietro a Maryan Zakalnytskyy, ma era ancora a  due minuti da una posizione medaglia.
Luo è stato il primo della coppia cinese a cedere, permettendo a Vieira di passare al terzo posto.  Niu, tuttavia, a causa di due cartellini rossi doveva stare attento per il resto della gara.
 
Suzuki mostra i suoi primi segni di crisi poco prima di 44 km quando si ferma ai tavoli di rifornimento, rallentando a una marcia regolare.  
Si idrata per bene e riparte. Sarà questa la sua carta vincente, e ben presto torna al suo passo e il suo margine iniziale è abbastanza grande che Niu non riesce a recuperare.
 
Più indietro, Luo ha continuato a lottare ma è stato superato da Dunfee, che ormai stava iniziando a prendere il passo ed era al quarto posto, a circa un minuto da Vieira.
 
Suzuki si ferma di nuovo un giro più tardi e poi di nuovo per la terza volta dopo un altro circuito del circuito di due chilometri lungo la Corniche di Doha. Stessa idratazione e stessa ripartenza. Ma con Niu ora in crisi, Suzuki mantiene facilmente la leadership.
Complimenti allo staff e a Fumio Imamura per aver saputo gestire alla perfezione questi momenti negativi della gara non facerndoli diventare insuperabili.
Suzuki è stato un "primo violino" nell'interpretare il senso della 50km: "resistere, resiostere, resistere".
La parte più entusiasmante della gara però arriva all'ultimo giro quando Vieira ha superato Niu per passare al secondo posto, e poi anche Dunfee ha superato il cinese in piena crisi.   
Però Suzuki era troppo lontano e ha tagliato il traguardo in 4:04:20.
 
 
 
 
 
 
Suzuki si è spostato sulla 50 km proprio all'inizio di quest'anno, avendo avuto fortune alternanti sulla 20 km nell'ultimo decennio.  
Dopo un periodo di infortuni di due anni dal 2016-2017, è tornato in azione lo scorso anno e ha raggiunto la massima forma nel 2019, culminando nel suo primo titolo mondiale senior.
 
Vieira ha preso la medaglia d'argento in 4:04:59, finendo con solo tre secondi di vantaggio sulla medaglia di bronzo Dunfee.
Dunfee ha riscritto la storia della marcia in Canada e ha reso omaggio ai suoi ex compagni di allenamento, la medaglia di bronzo del mondo 20 km 2015 Ben Thorne e il detentore del record nazionale di 20 km Inaki Gomez.  "Questa medaglia è tanto loro quanto la mia", ha detto Dunfee, che ha compiuto 29 anni sabato (28).  “Abbiamo fatto così tante cose insieme.  Il mio allenatore Gerry Dragomir e io siamo stati insieme per 19 anni, quindi è bello ottenere finalmente questa medaglia.  Questo appartiene a così tante persone. "
Niu e Luo hanno concluso quarto e quinto rispettivamente in 4:05:36 e 4:06:49.  L'irlandese Brendan Boyce ha camminato sulla luna oltre la linea per piazzarsi sesto in 4:07:47.
 
Il campione del mondo spagnolo 1993 Jesus Angel Garcia - che, a 49 anni, era alla sua  13esima presenza ai Campionati del Mondo - è arrivato ottavo in 4:11:28: un monumento, per tutti, in particolare per l'insegnamento lasciato alle giovani leve. Dietro a lui un nutrito gruppo di venticinquenni tra i quali colui che è arrivato più vicino allo spagnolo è stato Maryan Zakalnytskyy a 60". Gli altri con ritardi di 11 minuti e oltre se non avevano abbandonato la gara.

La storia della 50km forse si concluderà con questa torrida gara degna di una infernale bolgia dantesca o di una fornace di vetri di Murano. 
Ma averla vissuta fino all'ultimo con un quarantatreenne sul secondo gradino del podio e un quasi cinquantenne come finalista, lascia un senso di piacere agli innamorati della specialità. Non poteva essere fine migliore !
A proposito: aguri di buon compleanno anticipati (17 ottobre) al
"hombre de mármol e per gli amici Chuso"  e grazie per quello che ci hai lasciato.
 
 
 

 

 

 

 

50 km donne
 
 
Per un evento che ha la reputazione di essere così imprevedibile, specialmente se combinato con condizioni difficili, la marcia di 50 km delle donne è andata in gran parte come da copione.
 
L'ex detentrice del record mondiale Liang Rui, (CHN) vincitore del Taicang 2018 della IAAF World Race Walking Team Championship, ha aggiunto un'altra medaglia d'oro alla sua collezione vincendo il titolo in 4:23:26.
La compagna di squadra Li Maocuo è arrivata tre minuti dopo per la medaglia d'argento in 4:26:40 mentre la detentrice del record europeo Eleonora Giorgi (ITA) ha vinto la medaglia di bronzo in 4:29:13. 
 
Le tre leader erano sempre in testa al gruppo, passando  ai 5 km insieme in 27:46 prima di raggiungere i 10 km in 55:18, uniti dal campione in carica Ines Henriques.
Il quartetto principale è rimasto insieme per alcuni altri giri prima che Giorgi iniziasse a perdere il contatto con le altre poco prima di metà gara.
 
Liang Ruo iniziò a cambiare passo e apre un vuoto su Li Maocuo.  Henriques, nel frattempo, non è stato in grado di eguagliare il ritmo del leader e è tornato al quarto posto dietro alla Giorgi.
Nel corso dei restanti 20 chilometri, le posizioni dei primi tre non sono cambiate, ma solo il divario tra loro.  Di 40 chilometri, Liang aveva esteso il suo vantaggio a 99 secondi mentre Li aveva un comodo margine di tre minuti sulla Giorgi.  Henriques, nel frattempo, ha continuato a lottare ma poi verso la fine si è ritirato lasciando Olena Sobchuk (UKR) al quarto posto.
 
Liang, che ha il personal best di 4:04:36, ha forgiato il vantaggio e alla fine ha tagliato il traguardo in 4:23:26 per diventare il primo atleta cinese, uomo o donna, a vincere un titolo mondiale nella marcia 50km.
Li  ha vinto l'argento in 4:26:40 con Giorgi che guadagnava bronzo in 4:29:13.
 
Sobchuk è arrivata quarta in 4:33:38 dalla cinese Ma Faying.

 

 

 

 

 

 

 

Tutti i risultati, comprensivi degli split times, nella sezione Risultati o scaricabili direttamente da questo link: clicca qui

 

 

 

Il summary tecnico della 50km uomini: clicca qui

 

 

 

Il summary tecnico della 50km donne: clicca qui

 

 

 

 

 



Condividi su facebook