04/11/2019   Evoluzione della velocità media delle prime 10 atlete nella 20km donne: "Area vs World"






Il secondo grafico che proponiamo nostri lettori è quello della 20km donne.

 

Riassumiamo il criterio di scelta dei dati.

- Abbiamo prima di tutto scelto le migliori dieci performances ad mondo come appaiono dalle graduatorie ufficiali della IAAF

- Abbiamo limitato la nostra scelta agli ultimi cinque anni partendo quindi dal 2015 fino al 2019 inclusi

- La velocità media di queste dieci migliori performances a livello mondiale costituisce il dato di riferimento per ogni singolo anno

- Abbiamo poi analizzato per ogni singola Area le dieci migliori performances ricavando per ogni Area la relativa velocità media. Lo scarto in termini di km/h fra quella ottenuta analizzando i dati dei primi dieci atleti al mondo e quelli dei primi dieci atleti di ogni area è quello che abbiamo chiamato "negative spread".

 

 

Alcune considerazioni

 

- Le curve dei grafici della velocità media rilevata livello mondiale e quelle dei grafici delle stesse velocità rilevate a livello Europa e a livello Asia sono molto simili negli anni. 

 

- Le uniche eccezioni sono rappresentate dalla velocità media europea che negli anni 2018 e 2019 si presentano in antitesi.

Nel 2018 mentre la velocità media mondiale e quella dell'Asia presentano un lieve calo, quella dell'Europa presenta un deciso incremento.
Nel 2019 avviene l'opposto. A fronte di un incremento importante di Asia e lieve a livello mondiale, l'Europa presenta un deciso calo.

 

- La velocità media registrata a livello mondiale e quella registrata a livello europeo risentono entrambe delle prestazioni delle atlete della Russia in ognuno degli anni presi in considerazione. E' ben vero che dal 2015 l'esclusione dalle gare internazionali ha fatto diminuire la loro presenza nelle graduatorie Mondiali ed Europea, ma è altrettato vero che le prestazioni ottenute nei loro "Winter e/o Summer Championships" (a Sochi e/o Cheboksary) sono sempre state di alto livello.

 

Questo è tanto più vero in Europa rispetto a livello mondiale nel quale l'influenza delle performances delle atlete della Russia si fanno sentire meno.

Infatti è dal 2015 (anno di esclusione della Russia dai Campionati Mondiali di Beijing) che la curva delle velocità medie delle donne a livello mondiale subisce un graduale calo o rimane costante.
Per contro, a livello Europa, si assiste (ad eccezione del 2018) ad un più pronunciato calo che ha raggiunto in questa stagione la punta massima di -0,36km/hr (World: 13,88 - Europe: 13,52)

 

 

La seguente tabelline ci propongono i relativi "negative spread"


 

20km women - average speed 2015 2016 2017 2018 2019
           
World average speed 14,00 13,88 13,88 13,83 13,88
           
Europe average speed 13,91 13,78 13,69 13,77 13,53
           
Negative Spread: Europe-World -0,09 -0,10 -0,19 -0,06 -0,36

 


20km women - average speed 2015 2016 2017 2018 2019
           
World average speed 14,00 13,88 13,88 13,83 13,88
           
Asia average speed 13,62 13,53 13,65 13,50 13,74
           
Negative Spread: Asia-World -0,38 -0,35 -0,23 -0,33 -0,14

 

 

dai quali  si nota che l'unico anno nel quale le velocità medie di Asia ed Europa erano molto simili è stato il 2017 nel quale i negative spread rispetto alla media mondiale erano di 0,19 (quello tra Europa e World) e di 0,23 (quello tra Asia e World). 

Quell'anno a Sochi le tre atlete della Russia che erano nelle primi dieci della graduatoria mondiale ed europea avevano ottenuto delle prestazioni più umane rispetto a quelle eccezionali alle quali ci avevano abituato (Yelena Lashmanova: 1:25:18, Yekaterina Medvedeva: 1:25:22 e Sofiya Brodatskaya: 1:26:27). Per contro la selezione della Cina per i Campionati Mondiali di Londra 2017 che si tenne a Huangshan ebbe tre risultati abbastanza simili (Lu Xiuzhi: 1:26:28, Wang Na: 1:26:29 e Yang Jiayu: 1:26:35 migliorato poi a Londra dove vinse l'oro in 1:26:18).

 

Nel 2019 in Asia assistiamo ad un netto miglioramento dei risultati nella marcia 20km donne delle atlete del Giappone e questo fatto spinge più in alto il valore della velocità media dell'Asia.

Al momento l'egemonia della Cina in Asia non è assolutamente da mettere in dicussione, ma sappiamo come sono andate le cose nel giro di pochi anni a livello maschile. Per contro la selezione cinese per la 20km di Tokyo/Sapporo che si terrà tra il 29 febbraio ed il 1 marzo 2020 a Huangshan sarà certamente un'altra gara con tempi impressionanti.

 

Altro momento di riflessione è dato dall'esame delle curve delle velocità medie del NACAC (Nord America e Caraibi) e del CONSUDATLE (Sud America).

Tra il 2014 ed il 2016 il loro andamento è pressochè sovrapponibile mentre dal 2017 il Sud America ottiene delle prestazioni migliori.
Questo si spiega con la crescita nella 20km donne di Nazioni come Ecuador, Colombia, Perù e Brasile. Nella stagione 2019 inoltre lo splendido risultato di Glenda Morejon (ECU) a La Coruna fa si che la velocità media del Sud America si avvicini di molto a quelle dell'Europa, cosa quasi impensabile nel passato: Europe: 13,52 - CONSUDATLE: 13,38.

 

La seguente tabelline ci propongono i relativi "negative spread"


 

20km women - average speed 2015 2016 2017 2018 2019
           
World average speed 14,00 13,88 13,88 13,83 13,88
           
NACAC average speed 12,87 13,15 12,99 12,84 12,97
           
Negative Spread: NACAC-World -1,13 -0,73 -0,89 -0,99 -0,91

 


20km women - average speed 2015 2016 2017 2018 2019
           
World average speed 14,00 13,88 13,88 13,83 13,88
           
CONSUDATLE average speed 12,91 13,13 13,29 13,06 13,38
           
Negative Spread: Consudatle-World -1,09 -0,75 -0,59 -0,77 -0,50

 

 

20km women - average speed 2015 2016 2017 2018 2019
           
Europe average speed 13,91 13,78 13,69 13,77 13,52
           
CONSUDATLE average speed 12,91 13,13 13,29 13,06 13,38
           
Negative Spread: Consudatle-Europe -1,00 -0,65 -0,40 -0,71 -0,14

 

 

 

Un'ultima tabella: il numero delle atlete nella 20km marcia donne nelle prime 10 al Mondo fra il 2014 e il  2018:

 


20km women: How many athletes from

Asia and Europe in first 10 in World

2014 2015 2016 2017 2018 2019
             
Asia (China) 2 2 2 3 2 5
             
Asia (Japan) - - - - - 1
             
Europe 8 8 6 4 7 2

 

 

Lasciamo ai nostri lettori nel seguente link la consulazione del grafico e della tabella completa delle velocità medie nel quinquennio e le altre considerazioni che volessero fare.

Noi le riassumiamo così:

- Asia sugli scudi

- L'Europa in pronunciato calo che si risveglia solamente in occasione degli anni dei Campionati Europei.

- Crescita molto spinta nel quinquennio (e nell'ultima stagione in particolare) del Sud-America (CONSUDATLE).

.

 

 

 

Il grafico dal 2015 al 2019: clicca qui

 

 

 

 



Condividi su facebook