25/01/2020   Un funzionario dell'agenzia antidoping russa dichiara che un allenatore russo sospeso a vita continua a lavorare con gli atleti






 

Ieri pomeriggio alle ore 3:48 l'agenzia Reuter da Mosca ha pubblicato una notizia a firma di Gabrielle Tétrault-Farber riguardante Viktor Cheghin.
La proponiamo nella sua integrità, e tradotta in italiano (mentre nella versione inglese del sito resta in originale).
I nostri lettori potranno trarre le loro conclusioni sugli argomenti trattati.
 
 

 

 

MOSCA (Reuters) - Un funzionario dell'agenzia antidoping russa ha detto venerdì che Viktor Chegin,  l’allenatore di marcia che sta scontando una sospensione a vita, continua a lavorare con gli atleti nei campi di allenamento.
 
Chegin è stato bandito a vita nel 2016 dopo che un rapporto commissionato dall'Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha scoperto che c'era un "regime di doping sistematico" nella sua gestione del centro di addestramento nella città di Saransk, circa 600km a est di Mosca.

Ma il 57enne continua ad allenare nonostante agli atleti sia vietato ricevere addestramento, strategia, consigli nutrizionali o medici da allenatori o personale medico vietati, ha affermato Margarita Pakhnotskaya, vice capo dell'agenzia antidoping russa RUSADA.

"Chegin sta lavorando fino ad oggi", ha detto. “È nascosto dalle guardie di sicurezza. Cammina con cappuccio e occhiali. Cambia veicoli. Per catturarlo avremmo bisogno della polizia, un'operazione delle forze dell'ordine, intercettazioni telefoniche e così via."

Reuters non ha potuto confermare in modo indipendente il suo contatto e Chegin non è stato immediatamente raggiunto per un commento.

Lo scorso anno Reuters ha riferito che Chegin aveva guadagnato un totale di 8,5 milioni di rubli ($ 130.000) in contratti statali nonostante il suo divieto di allenare; per farlo aveva deciso di “fornire dei servizi si security” nei luoghi dove era precedentemente capo allenatore.

 

Sebbene tale accordo commerciale non sia vietato in base alle norme antidoping, solleva dubbi sul perché la Russia, che afferma di aver riformato le sue pratiche, ha continuato a sostenere un allenatore di alto profilo colpito dal divieto a vita.

Il contratto assegnato alla ditta di Chegin era stato annullato in seguito alla relazione di Reuters. Da allora la società ha cambiato nome e proprietario.

I marciatori del gruppo di Chegin hanno usato trasfusioni di sangue, in violazione delle regole antidoping, e hanno assunto sostanze vietate, secondo il rapporto commissionato dalla WADA.

Nel 2018 cinque marciatori russi sono stati privati ​​della loro autorizzazione a competere a livello internazionale come neutrali in attesa di ulteriori indagini sulla loro partecipazione a un campo di addestramento con Chegin in Kirghizistan.

La Federazione Russa di atletica leggera è stata sospesa nel 2015 per prove di doping istituzionalizzato nello sport.

 

World Athletics, l'organo di governo globale dell'atletica leggera precedentemente noto come IAAF, ha interrotto il processo di reintegrazione della Russia a novembre dello scorso anno.

La decisione è arrivata dopo che il presidente della Federazione e altre sei persone sono state provvisoriamente sospese per aver fornito documenti falsi per giustificare una violazione del luogo in cui si trovava il saltatore Danil Lysenko.

La Russia sta anche facendo appello al divieto di quattro anni di competere sotto la sua bandiera in occasione di importanti eventi internazionali, tra cui le Olimpiadi di Tokyo di quest'anno, come punizione per aver fornito alla WADA dati di laboratorio documentati.

 

 

 

La notizia originale su Reuters: clicca qui

 

 

 

 


Condividi su facebook