05/02/2020   La Court of Arbitration (CAS) ha annunciato oggi di non aver potuto pronunciarsi sull'appello per carenza di giurisdizione in materia.






 

L'appello al CAS che aveva accusato lo IAAF di discriminare le donne non includendo una gara per loro nei campionati più importanti, era stato originariamente presentato nell'aprile dello scorso anno con il sostegno dell'avvocato americano Paul F. DeMeester aveva come principale obiettivo l'accettazione di una gara femminile con classifica separata sulla 40km ai Giochi Olimpici di Tokyo/Sapporo.

Ieri pomeriggio è stata resa nota la decisione del CAS.
 
La Court of Arbitration (CAS) ha annunciato oggi di non aver potuto pronunciarsi sull'appello per carenza di giurisdizione in materia.
Tra quelli che avevano fatto appello al CAS c'era la portoghese Inês Henriques, vincitrice della medaglia d'oro ai Campionati mondiali 2017 dell'International Association of Athletics Federations (IAAF) a Londra.
 
"Il gruppo di esperti scientifici CAS ha dichiarato la propria non  competenza a pronunciarsi su questo ricorso", ha affermato CAS in una dichiarazione pubblicata oggi.
"Per questo motivo, le procedure arbitrali sono state terminate."
 
La gara di marcia della 50km femminile era stata aggiunta ai Mondiali di Londra tre anni fa a seguito delle pressioni di DeMeester e dell'ex atleta australiano Tim Erickson, ma solo sette atleti hanno preso parte.
L'evento faceva anche parte dei campionati mondiali IAAF dell'anno scorso a Doha, attirando 23 partecipanti in una gara vinta dal cinese Liang Rui.
In una dichiarazione dello scorso anno, DeMeester aveva rivendicato la posizione della Carta olimpica sulla parità di genere, secondo cui qualsiasi forma di discriminazione fondata sul genere è "incompatibile" con il movimento olimpico, il che significa che la marcia di 50 km femminile avrebbe dovuto essere presente in tutti i Giochi da Pechino 2008.
La marcia di 50 km degli uomini è entrata nel programma di tutte le Olimpiadi dopo Los Angeles 1932, ad eccezione di Montreal 1976.
Ma Tokyo 2020 potrebbe essere l'ultima volta in cui appare in quanto la World Athletics - il nuovo nome della IAAF - dovrebbe cambiare le distanze percorse nei principali campionati.
DeMeester aveva anche guidato la campagna per bloccare un tentativo di far cadere i 50 km degli uomini da Tokyo 2020.
 
Oltre a Henriques, gli altri atleti che hanno sollevato il caso al CAS erano la campionessa australiana Claire Woods, l'ecuadoriane Paola Pérez, Johana Ordóñez e Magaly Bonilla, la spagnola Ainhoa ​​Pinedo e la statunitense Erin Taylor-Talcott.
Un atleta di sesso maschile, il Quentin Rew della Nuova Zelanda, aveva anche appoggiato il caso perché, secondo DeMeester, "è fortemente convinta che le donne atleti dovrebbero avere le stesse opportunità degli uomini".
Inizialmente il CIO voleva tagliare la gara maschile di 50 km da Tokyo 2020 a favore di una staffetta mista per garantire un programma più equo di genere, ma il programma è stato respinto nell'aprile 2017.
World Athletics, allora IAAF, aveva cercato di far includere i 50 km delle donne nel programma, ma il CIO aveva respinto la loro richiesta perché il programma di atletica leggera per Tokyo 2020 era già stato concordato dal Consiglio Direttivo nel giugno 2017 prima che l'evento facesse il suo debutto ai Mondiali a Londra quell'anno.
 
Ieri si è posta la parola fine.
 
 
 
 
 
 
 
 


Condividi su facebook