12/01/2021   Evan Dunfee (CAN): Perché saltare la fila potrebbe distruggere lo sport amatoriale






 

Ieri sul web-site "thexc.org" del Canada è stata pubblicata la risposta di Evan Dunfee ai commenti di Dick Pound sul fatto che gli atleti olimpici dovrebbero avere la priorità all'accesso al vaccino COVID-19.

 

Un'opinione che vale la pena leggere anche per i suoi profondi valori etici.

 

 


 

 

I recenti commenti di Dick Pound che suggeriscono che gli atleti che saltano la fila per il vaccino sarebbero il modo più realistico per le Olimpiadi di andare avanti sono stati accolti con una condanna quasi unanime in Canada da atleti e fan. Io, insieme ai compagni di squadra che hanno parlato pubblicamente, credo che dovremmo aspettare il nostro turno in fila mentre i lavoratori in prima linea e essenziali, così come tutti gli altri gruppi vulnerabili, ottengono prima i loro vaccini.

 

Pound, il membro più longevo del Comitato Olimpico Internazionale, ha detto a Sky News la scorsa settimana, "di prendere 300 o 400 vaccini su diversi milioni per avere il Canada rappresentato in un evento internazionale di questa statura, carattere e livello - non lo so. Non credo che ci sarebbe alcun tipo di protesta pubblica al riguardo.

Alla luce dei commenti di Pound, il Comitato Olimpico canadese ha ribattuto con quella che molti atleti e tifosi ritengono indubbiamente l'idea giusta: gli atleti olimpici prenderanno il loro posto in fila e non riceveranno alcun trattamento speciale.

 

Il fatto che questa conversazione non sia esplosa in un enorme dibattito mostra che c'è solo un punto legittimo in questo argomento, e che le persone si stanno schierando con il COC piuttosto che con un vecchio con un nome insolito che pensa di avere il dito contro il polso dell'opinione pubblica. Per quel che vale, sono perfettamente contento di prendere il mio posto in fila. E al di là dell'onestà, penso che ci sia un altro motivo importante per cui gli atleti non dovrebbero saltare la fila dei vaccini.

 

Questo motivo ha a che fare con il valore di un olimpionico. Io, come atleta d'élite che rappresenta il Canada, sono uno di questo gruppo. Ciò significa che ricevo circa $ 28.000 all'anno dal governo federale per sostenere la mia formazione. Quei soldi non sono una distribuzione di un sussidio, perché non sono un ente di beneficenza. Con quei soldi nasce l'aspettativa di creare valore per il mio paese - un ritorno sull'investimento, se vuoi. Nell'atletica leggera abbiamo circa 50 atleti che fanno parte di questo gruppo elitario a livello senior. Alcuni di noi potrebbero portare valore alla società (poiché è la società che ci paga) correndo veloci o saltando in alto e fornendo intrattenimento. Il resto di noi, non ultimo io - il ragazzo che cammina veloce per ore - potremmo fare bene e accendere l'orgoglio nazionale, ma il nostro valore principale viene fuori dal campo di gioco.

 

Dick Pound ha detto qualcosa con cui sono d'accordo: gli atleti sono modelli importanti. Il mio valore è in quello che faccio quando torno a casa dalle Olimpiadi, come mi comporto e mi impegno nella mia comunità. Il mio valore è rendere le persone attive. Il mio valore sta nel parlare a decine di migliaia di ragazzi in età scolare cosa significhi porsi grandi obiettivi, lavorare sodo e definire se stessi non in base al fatto che si vince o si perde, ma in base a quanti progressi si fanno lungo il percorso. Il mio valore è essere un modello di ruolo.

 

Quella citazione completa di Pound di cui sopra recita: "Gli atleti sono modelli di ruolo importanti e prendendo il vaccino possono inviare un messaggio potente che la vaccinazione non riguarda solo la salute personale, ma anche la solidarietà e la considerazione per il benessere degli altri nella loro comunità."

Sì, gli atleti olimpici hanno la piattaforma per svolgere un ruolo importante nel promuovere comunità forti, ma questo funziona solo quando restituiamo a quelle comunità e non prendiamo da loro.

 

L'idea che gli atleti che saltano la coda invii un messaggio potente sulla considerazione della nostra comunità, potrebbe invece essere selezionata per l'ottenimento di un premio per le brutte riprese di un film dell'orrore (forse chiamiamolo Dicky). Questa azione ci metterebbe direttamente contro le nostre comunità e ci lascerebbe fare i conti con la possibilità che il fatto di essere vaccinati prima degli altri con l'obiettivo di gareggiare a Tokyo possa aver impedito la possibilità di vaccinarsi a qualcuno che aveva un maggiore bisogno di immunizzazione. Perderemmo la fiducia che le nostre comunità hanno in noi, costandoci la capacità di essere modelli di comportamento e quindi decimando il nostro valore.

 

Inoltre, alcuni ritengono che i Giochi di Tokyo siano un importante segno di perseveranza, una celebrazione di un ritorno alla normalità. Ma se l'unico modo in cui ciò può accadere è che tutti gli atleti vengano vaccinati prima del resto della società, non abbiamo nulla da festeggiare. Se le nostre comunità continuano a lottare per tornare a casa, non riesco a immaginare alcun modo in cui noi, gli atleti, potremmo tornare a casa da tali Giochi e aspettarci di essere ancora visti come modelli di comportamento.

 

Egoisticamente, spero che i Giochi si svolgano sani e salvi quest'estate. Mi alleno per momenti come questo da quando avevo 10 anni. Ma la salute e la sicurezza della mia comunità vengono prima di tutto. Ciò significa che i lavoratori in prima linea ed essenziali e tutti gli altri gruppi vulnerabili devono essere vaccinati il più rapidamente possibile, mentre io aspetto il mio turno in fila. Se questo significa che le Olimpiadi non si possano    svolgere quest'estate, allora così sia. Continuerò a fare del mio meglio per elevare la mia comunità e per essere preziosa.

 

E fino ad allora, spero che non riusciremo a testare la teoria di Pound secondo cui, se saltiamo la riga, "non ci sarebbe protesta pubblica".

 

Evan Dunfee



Condividi su facebook