11/01/2021   Koji Hoga Miura (JPN): analisi delle ragioni per le quali sarebbe da adeguare la definizione della marcia






 

Abbiamo ricevuto dal nostro amico Koji Hoga Miura, biomeccanico della squadra nazionale di marcia del Giappone, una ulteriore analisi, approfondita con grafici sull'argomento già pubblicato in data 3 gennaio 2021

 

clicca qui per la sua lettura 

 

Anche questo, come il precedente viene integralmente proposto ai nostri lettori affinché possano farsi una profonda opinione. 

Chi è interessato può contattare Hoga al seguente e mail: Koji Hoga Miura

 

 

 


 

 

Introduzione

 
Sui set di dati tridimensionali sulla gare ufficiali di marcia, compresi nel mio dottorato di ricerca presso l'Università di Tsukuba, Ibaraki, Giappone, fino al 2007, è possibile verificare l'ipotesi che il confine tra marcia e corsa possa essere riconosciuto con un altro punto di vista più chiaro diverso dal contatto con il suolo.
 
Abbiamo fatto delle ipotesi facendo riferimento alla precedente ricerca sulla differenza tra camminata normale e corsa:
1) Durante la marcia, l'articolazione dell'anca inizia a flettersi e oscillare in avanti prima dello stacco dal suolo, mentre nella corsa inizia a flettersi e oscillare in avanti dopo lo stacco.
2) Durante la marcia, l'articolazione del ginocchio mantiene l'estensione e oscilla in avanti al contatto del tallone, che inizia la flessione e oscilla all'indietro prima del contatto del tallone (piede) nella corsa.
 
Tuttavia, per l'adozione alla gestione pratica della competizione, è importante evitare la confusione negli atleti, allenatori e giudici. Quindi, la verifica di queste ipotesi è stata condotta per mantenere la coerenza con il giudizio e la registrazione correnti.
 
 
Dati
 
 
Verifica per queste ipotesi
 
 
Sono stati scelti due tipi di dati per spiegare i risultati.
 
(1) Velocità angolare della coscia per un ciclo di locomozione (Heel-on - Toe-off - Heel-on) per uomini e donne, riflettono la cinematica dell'articolazione dell'anca.
(2) Velocità angolare del piede (assi tibia-perone) per un ciclo di locomozione (tallone - punta - tallone) per uomini e donne, riflettono la cinematica dell'articolazione del ginocchio.
 
 
 
(1.1) I seguenti due grafici (sopra per gli uomini, sotto per le donne) mostrano le velocità angolari della coscia per uomini e donne nei miei set di dati, inclusi i campioni olimpici e mondiali in questo periodo (2002-07). Questi dati riflettono la cinematica (flessione ed estensione) dell'articolazione dell'anca sul piano sagittale.
 
Entrambi su questi dati, le velocità angolari rispetto allo stacco erano significativamente correlate sia alla distanza di volo che al tempo di volo. Ciò significa che l'articolazione dell'anca più veloce si flette attorno allo stacco, minore è la distanza percorsa dall'atleta nella fase di volo (perdita di contatto) e minore è il tempo in cui l'atleta effettua la fase di volo.
 
 
 

 

 

 

 

 

(2.1) Come le velocità angolari della coscia, un altro di questi due grafici mostra le velocità angolari dello stelo per uomini e donne nei miei set di dati. Questi dati riflettono la cinematica (estensione e flessione) dell'articolazione del ginocchio sul piano sagittale.
Entrambi su questi dati, le velocità angolari prima del contatto del tallone erano significativamente correlate sia alla distanza di volo che al tempo di volo. Ciò significa che l'articolazione del ginocchio più veloce si estende prima del tallone, minore è la distanza percorsa dall'atleta nella fase di volo (perdita di contatto) e minore è il tempo in cui l'atleta effettua la fase di volo.
 
 

 

 

 

 
 
 
Da questi dati sopra riportati, le nostre due ipotesi potrebbero essere verificate per il riconoscimento dell'attuale definizione di marcia da corsa citata nelle attuali regole tecniche, che mantenga o meno il contatto con il suolo. Tuttavia, questi altri punti di vista della nostra ipotesi potrebbero essere più facili da istruire i giudici a giudicare le gare di marcia.
 
 
 
Giudizio pratico
 
In aggiunta alle relazioni con la distanza di volo e il tempo di volo, il giudizio pratico è stato analizzato e studiato.
 
Questi dati sono stati mostrati di seguito.
 
(1) Confronto tra le atlete senza Red Cards con quelle che hanno ricevuto più di 2 Red  Cards nella 20km femminile ai Campionati del Mondo nel 2005 e 2007 (il numero di atleti squalificati che hanno un PB più alto era molto basso).
(2) Confronto fra gli atleti senza Red Cards con quelli squalificati sui 20km maschili alle Olimpiadi del 2004 e ai Campionati del Mondo nel 2005 e nel 2007.
 
 
 
 
 
 
 
 
Nelle gare pratiche, le tecniche dei partecipanti variano in ogni gara. Quindi, i risultati del giudizio pratico erano diversi per sesso. La differenza della velocità angolare di flessione dell'anca è stata rilevata nel confronto dei dati tra cartellino rosso e più di due cartellini rossi sui 20 km a ovest delle donne. Tuttavia, la differenza nell'estensione del ginocchio prima del tallone è stata rilevata nel confronto dei dati tra atleti senza cartellino rosso e squalificati.
 
Tuttavia, le ipotesi sopra menzionate sembrano essere coerenti con il giudizio pratico corrente.
 
 
 
Tutti grafici in più ampia risoluzione
 
 
 

 

 

Il grafico delle fig. 1 e 3 (donne) in più ampia risoluzione: clicca qui

 

 

I grafici delle altre figure (analisi gare uomini e donne) in più ampia risoluzione: clicca qui

 

 

 

 

 



Condividi su facebook